mercoledì 3 agosto 2011

[BSA NAZIONALE] quinto giorno di sciopero contro il "capo nero"

Capo nero, lo chiamano così il caporale i braccianti immigrati che anche questa mattina hanno scioperato per il quinto giorno di seguito in maniera autorganizzata. In poche unità in un campo che vede la presenza di circa 400 braccianti sono andati al lavoro. Lo sciopero continua, si rafforza, anche se ha bisogno di sostegno attivo dato che in molti stringono la cinghia per davvero. Ieri è partita una cassa di resistenza con il contributo delle Brigate della Solidarietà Attiva che ha distribuito circa 200 borse della solidarietà con generi di prima necessità.













Qui trovate il link del blog dei braccianti
http://bracciantiboncuri.w​ordpress.com/chi-siamo/









 Vista la distanza abbiamo pensato che non ha senso raccogliere viveri, ma è opportuno inviare soldi per comprare in loco (attraverso la BSA a Nardò) quello che gli serve.
 Chi volesse partecipare alla cassa di sostegno per i braccianti può fare un versamento su

FEDERAZIONE NAZIONALE BRIGATE DI SOLIDARIETà ATTIVA
VIA GORIZIA 17, 24127, BERGAMO

BANCA PROSSIMA
IBAN: IT10N0335901600100000018770
OGGETTO: CASSA DI RESISTENZA BRACCIANTI NARDO'


Zone di raccolta diretta dei fondi:
-07 agosto  festa liberazione - parco urbano di bovezzo (bRESCIA)

-Dalle ore 19:00 alle ore 22:00 in via luigi medici n21 Corato(BA) sostieni la LOTTA
x informazioni 320/8941363

La lotta che conducono è difficile, rischiosa ed è la prima di questo tipo in quelle zone: per la prima volta si alza il capo contro il caporalato e la malavita organizzata che c'è dietro. Non lasciamoli soli